Novanta

 

Novanta inverni, novanta primavere, novanta estati, novanta autunni. Trecentosessanta stagioni. Una vita a tutto tondo. Semplice e complicata come le vite di tutti e come tutte le vite. I segni sul volto e sul corpo raccontano mille storie. Il genetliaco è solo l'occasione per riviverne  alcune, con il loro unico figlio. Dimenticando quelle più tristi e amare e ricordando quelle più felici e spensierate, in un giorno di festa. Sono sempre le stesse. Quelle che i due spettatori conoscono a memoria. Lei, la compagna di una vita, le porta come un fardello sulle spalle, lui, il successore, le porta scolpite negli occhi.